AvaEva Biodiversità

Sfarfallamento di una libellula della specie Aeshna cyanea (foto R. Matasci-Brüngger)

Sfarfallamento di una libellula della specie Aeshna cyanea (© R. Matasci-Brüngger)

AvaEvaBiodiversità vuole…

– coinvolgere nonne/nonni e nipoti nella scoperta giocosa della natura
– trasmettere alla nuova generazione informazioni sui cambiamenti ambientali sopraggiunti
– diffondere la comprensione e il rispetto della flora e della fauna
– sensibilizzare alla necessità della tutela dell'ambiente

Informazioni: Regula Matasci-Brüngger, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Prossimamente 

Durante l'estate sono previste escursioni naturalistiche in zone protette.

> Il gruppo cerca donne interessate alla natura e che desiderino essere coinvolte nelle attività.


Sintesi degli eventi precedenti

30.5.15 – Macrofotografia con la fotografa Franziska Doswald
Nel corso di questo pomeriggio, le otto partecipanti — attrezzate con telefonino, semplici fotocamere compatte o anche apparecchi più sofisticati — si impegnano a immortalare la flora e la fauna delle Bolle di Magadino, tentando di valorizzare anche il gioco di luce e ombra. Dopo un'oretta di esercizi individuali sotto lo sguardo dell'esperta e un'estate trascorsa con l'invito di fare i propri esperimenti fotografici, le partecipanti si ritrovano in autunno per discutere i risultati e ricevere i consigli della fotografa nel suo studio a Locarno.

30.6.14 – Pomeriggio ricreativo e istruttivo: «Chi è stato qui?»
Ascoltando una storia e lasciandosi ispirare da un indovinello nipoti e nonne costruiscono con pietre, ramoscelli, bacche e foglie un modello di insetto all’ombra degli alti alberi della fattoria La Colombera a S. Antonino. Cercano in tal modo di risolvere il mistero legato a un piccolo foro che vedono in una nocciola. In seguito, grazie alle spiegazioni della biologa, scopriranno che quel buchetto è opera del balanino della nocciola.